Tag Archives: santoro

Ode alla censura.

26 Mar

Senza la censura, Raiperunanotte non sarebbe stato possibile e l’intervento, altamente corrosivo, che trovate nei due video non sarebbe mai andato in onda, gli abbonati rai ringraziano.

Dux condicio.

2 Mar

La Rai, quella società che gestisce “in esclusiva il servizio pubblico radiotelevisivo italiano”, che è un po’ anche nostra, considerato il canone che ogni cittadino in possesso di una televisione è obbligato a versare per lei, ha deciso di sospendere alcuni programmi di approfondimento considerati “politici”, con il nobile scopo di garantire la par condicio tra i partecipanti alle prossime elezioni amministrative. Insomma, per evitare che qualche politico parli troppo e qualcun altro parli troppo poco, si è optato per la soluzione più facile, la soluzione dittatoriale, che a noi italiani ci piace assai, visti i nostri precedenti storici, sì, perché evidentemente, noi non siamo in grado di gestirla la democrazia e abbiamo bisogno di qualcuno che ci imponga un pensiero unico, di solito a nostro discapito, e ci faccia immergere ben bene in una finta realtà. Meglio tenere una giornalista tettona che nel suo grandioso programma di approfondimento pomeridiano dice cose deliranti come “non toccatemi Berlusconi, io lo adoooro”, e meglio tenere l’inguardabile programma dei pacchi, meglio tenere un telegiornale che, per esempio, spiega quale sia la moda dei ragazzi di oggi e dimentica di dirci che il Capo dello Stato ha annullato il suo incontro con l’ambasciatore italiano in Belgio perché risulterebbe coinvolto nella imbarazzante vicenda del senatore del pdl sospettato di essere stato eletto grazie ai voti della ‘ndrangheta. Meglio dire che Annozero e Ballarò sono faziosi, meglio non dire che l’approfondimento può riguardare anche avvenimenti non politici ma, che so, magari uno a caso dei veri problemi delle persone, come lavoro, salute, giustizia. Meglio non dire che, in realtà, la sospensione è un banale atto di prepotenza, una banale scivolata della democrazia, l’ennesima manifestazione della democratica dittatura che gli italiani hanno scelto. Viva l’Italia.