Tag Archives: moda

Giallo Primavera.

7 Apr

Tendenze fashion primavera-estate: yellow is the new black.

20150406_122339

20150406_12230020150406_13005420150406_130121

Serve una pelliccia?

8 Feb

Nuova collezione PETA, only for fashionistas.

Gli animali usati dagli uomini per creare calde pellicce da sfoggiare per sentirsi più affascinanti (ma de chè?) e senza pensare minimamente a cosa si sta indossando, sono i castori, i cincillà, i cani, i gatti, le volpi, i visoni, i conigli, i procioni, le foche, gli orsi. In genere, a questi animali piace vivere liberi e tenersi addosso il pelo che la natura gli ha dato e quando qualcuno cerca di strapparglielo di dosso, gli fa molto, molto, molto male. Il mondo della moda lo fa per vanità e non per necessità, e se anche le volpi diventassero improvvisamente fashion victims?

Uomini senza specchi.

15 Ott

_29724641Il complimento rivolto dal nostro anziano Presidente del Consiglio alla nostra deputata Rosy Bindi, durante una trasmissione televisiva è, ormai, famoso: «sento parlare la signora Rosy Bindi, è sempre più bella che intelligente» e, d’altra parte, la risposta dell’on. Rosy Bindi, è altrettanto famosa e rimarrà nella storia come una delle più belle e significative frasi mai pronunciate da una donna: «Presidente, sono una donna che non è a sua disposizione» (a proposito, se qualcuno sa dirmi dove posso trovare la maglietta..) e dubito che qualche uomo avrebbe mai avuto il coraggio di pronunciarla. La frase del Presidente è abbastanza significativa, poiché dimostra, nel caso qualcuno avesse ancora dei dubbi, il suo profondo disprezzo nei confronti delle donne, trattate alla stregua di vacche da sagra paesana e degne di considerazione solo se rispettose di canoni estetici prefissati, prefissati da uomini misogini, ovviamente. FRANCE-GERMANY-FASHION-LAGERFELD-FILESD’altra parte, il nostro è in buona compagnia, infatti, recentemente anche lo stilista Karl Lagerfeld ha manifestato il suo pensiero riguardo alla battaglia intrapresa da alcune riviste di moda per eliminare il fenomeno delle modelle anoressiche, affermando: «solo alle grasse non piacciono le modelle che sfilano in passerella sul piccolo schermo. Ci sono mummie grasse che si siedono davanti al televisore con i loro pacchetti di patatine e dicono che le modelle magre sono brutte. Il mondo della moda è fatto di sogni e illusioni e nessuno vuole vedere donne rotonde». Ora, a parte il fatto che il concetto di “donna rotonda”  per uno stilista misogino è molto diverso da quello di un qualunque altro essere umano, si può serenamente affermare che anche Lagerfeld, come Silvio I e tanti altri, fa parte dell’ Associazione Uomini che non hanno gli specchi in casa, un’associazione che ha numerosi iscritti in tutto il mondo, di varie età, razza e religione, una cosa democratica, insomma. In definitiva, gli associati rifiutano qualunque contatto con gli specchi (anche se, in alcuni casi, sono gli stessi specchi che rifiutano di riflettere le loro immagini)  e sono abituati a guardare con occhio critico solo il fisico delle donne, probabilmente per evitare di vedere, in ordine sparso: la loro pelle, che non è riuscita ad affrontare con onore gli attacchi del tempo, provocando indelicate cadute agli angoli del collo, degli occhi, delle cosce, delle braccia; le loro pance, sulle quali ci sarebbe da scrivere un’intera enciclopedia; le loro gambe da quaglia e altri segni estetici tipici degli uomini diversamente belli, sui quali però è meglio non soffermarsi troppo, perché noi non siamo come loro. Mi permetto solo di dare un consiglio agli associati: ogni tanto, quando siete ospiti di amici, amiche, parenti, una sbirciatina allo specchio, piano, piano, però.