Tag Archives: maschilismo

Mi si nota di più se sono razzista o maschilista?

23 Lug

Ti si nota di più se sei razzista. Il maschilismo è ben tollerato, nei Paesi ad alta concentrazione di misogini. E così, per esempio, nei Paesi non razzisti e aperti agli uomini di sani principi, se, per esempio, tu sei un maschilista ed un misogino, insomma hai il culto dell’uomo come essere umano di genere superiore rispetto alle donne e odi queste ultime, ti troverai perfettamente a tuo agio. L’Italia, fortunatamente, è uno di quei Paesi e, sotto questo profilo, non si può affermare sia razzista, anzi è aperto e democratico. Infatti,  sempre per fare un esempio, se tu, maschilista e misogino ma bravo lavoratore, dovessi trovare lavoro presso un albergo italiano e, malauguratamente, dovessi ritrovarti a prendere ordini da un altro lavoratore che svolge mansioni superiori alle tue ma appartenente al genere femminile, ebbene, tu, che non sei abituato a certe tradizioni abominevoli come il riconoscere pari dignità e diritti a tutti i lavoratori a qualunque sesso appartengano, sappi che in Italia troverai sempre qualcuno disposto a darti ragione e a rispettare la tua cultura e le tue convinzioni, perchè questo è un Paese civile, libero e democratico, non sia mai che qualcuno accusi gli italiani di razzismo! Vieni in Italia, con il tuo carico di convinzioni sane e giuste, e se le donne ti infastidiscono sul lavoro, non ti preoccupare, alla loro immonda presenza affiancheremo un sano maschio, a seconda delle tue preferenze razziali e/o religiose e, gradualmente, perchè qui le cose si fanno con astuzia, la donna verrà eliminata e spedita in luoghi più consoni alla sua natura, dove non possa nuocere alla tua sensibilità. Vieni in Italia, non siamo razzisti, siamo solo maschilisti.

Gli uomini del PDL ce l’hanno piccolo.

8 Mag

Nel PDL sono belli, diversamente belli ma pur sempre belli. Per rendersene conto, basta vedere i due mori di punta del partito, quelli che quando fanno le ore piccole la notte, al mattino rilasciano dichiarazioni  degne dei migliori tronisti di Maria De Filippi (“le donne della sinistra sono brutte“), così, tanto per sollevare il livello della dialettica politica, sono Igna&Silvio: due diversamente belli che il mondo ci invidia, alti quanto basta, con i muscoli ben nascosti dalle giacche per non far morire di invidia gli altri uomini, lo sguardo assassino solo in parte coperto dalla palpebra tenuta su dalla scienza e, soprattutto, eleganti, dei veri signori, insomma due che se anche andassero in Groenlandia a spaccare ghiaccio non passerebbero inosservati per la loro avvenenza. Pare, purtroppo, che abbiano un piccolo difetto: ce l’hanno piccolo. Il cervello, cosa avete capito?

(la foto l’ho presa qui )