Tag Archives: ironia

Un minuto tutto per me.

16 Apr

giraffa palmeHo un minuto tutto per me, e in questo periodo è decisamente un lusso.
Prendersi cura di un familiare con demenza di Alzheimer (Mr Alzhy, come lo chiamo io) richiede un impegno costante, continuo, pressoché ininterrotto durante l’intero arco della giornata. Sono richiesti pazienza e nervi saldi, strumenti che se non previsti in dotazione nel nostro personale “pacchetto nascita” bisogna procurarsi in qualche modo.
Io, paziente un po’ lo nacqui e un po’ no, i nervi li saldo strada facendo e, in mezzo al caos che Mr Alzhy crea, imparo, imparo tanto sugli altri e su me stessa.
Paradossalmente, cercando di soddisfare anche il più piccolo bisogno altrui, capisco e accetto di avere anch’io delle necessità, degne di essere accolte e appagate.
Ecco perché sono qui, di nuovo dopo tanto tempo, su questo monte virtuale e surreale, che mi manca tanto, perché qui ritrovo una parte di me, quella più leggera, e Dio sa quanto abbia bisogno di leggerezza.
E allora salgo lemme lemme verso la Radura Tranquilla, lungo il Sentiero delle Foglie croccanti, circondata dal giallo delle ginestre, che mi dà una grande energia, dal viola della lavanda, dal verde intenso del leccio, e dal chiasso dei pennuti che lavorano tra i rami.
Cammino, senza pensare a nulla, senza essere nulla se non una parte insignificante di questo piccolo, semplice mondo perfetto, un nulla che ha un minuto per sé e non vuole sprecarlo. Cammino, la temperatura è perfetta, qualche raggio di sole filtra dalle fronde degli alberi, mi scalda, e sopratutto si prende cura di me senza saperlo. Cammino, cammino e cammino ancora, ma non sento stanchezza, solo una strana e inspiegabile euforia.
Finalmente, giungo al cospetto della Grande Quercia, alta, possente, rassicurante, è circondata da timidi e vezzosi ciclamini. Mi accolgono con discrezione ma credo che, in fondo, anche loro siano felici di vedermi.
Beviamo insieme un bicchiere di rugiada fresca, non parliamo, non ne abbiamo bisogno. Una leggera brezza porta gli odori della macchia, l’aria sa di cisto, di asfodelo, di lavanda, di terra bagnata, di tempo sospeso.
Ci godiamo il nostro minuto, il nostro pensiero felice. Niente di più, niente di meno.

Annunci

E buon compleanno.

20 Lug

 

 

http://www.dreamstime.com/stock-photo-giraffe-bird-birthday-vector-illustration-celebrating-its-image30670600

Ho verificato, le rughe sono un po’ aumentate, la cellulite pure, la pazienza idem, la consapevolezza lo stesso, sulla saggezza ci sto lavorando, la modestia abbonda, infatti concordo  con questo bel manifesto:

11709726_863495780370493_3120768905989036155_n

 

Perciò è confermato: sto invecchiando 😀  Happy birthday.

La mia cicoria cinese.

4 Lug

Ormai è ufficiale, la piantina che ho curato con tanto amore fin dalle origini, quel bulbo che ho ricoperto di terra e innaffiato ogni giorno, in attesa del bellissimo fiore rosso, non è una dalia, come invece garantiva la sua confezione. Pensavo fosse dalia e invece era cicoria cinese, o rucola nigeriana, o bietola thailandese, tutto tranne una dalia. Insomma, un pacco. Una truffa. Una fregatura. Uno scherzo. Un aliud pro alio. Un aglio per cipolla. Ci sono rimasta male ma continuerò a prendermi cura del mio carciofo coreano, della mia dalia mutante, della carota bengalese, del mio spinacio finlandese, del mio E.T. vegetale, perché anche i bulbi so’ piezz’e core. Eccolo, in tutto il suo verde splendore, qualsiasi cosa sia 😀20150704_083317

House of Cats – Gli intrighi della polpetta.

1 Lug

funny-cats-cartoon-with-panel-gatti-buffi-con-pannelloPiù audace di Temptation Island, più torbida di Game of Thrones, più intrigante di House of Cards,  è in arrivo su questo canale, l’imperdibile docu-serie interamente dedicata ai giochi di potere e alle avventure magiche della colonia felina più prolifica al mondo ( o_O ) perfino più dei conigli che allevava mia nonna, ecco a voi:
House of Cats – Gli intrighi della polpetta.

Trama.

Agli albori del ventunesimo secolo, in una calda mattina d’estate, una  bellissima e misteriosa creatura si presenta all’uscio di una dimora di un paese molto lontano, abitata da umani e da una creatura altrettanto misteriosa, bellissima e intelligentissima, volgarmente chiamata cane.

La misteriosa creatura, dal folto pelo nero e dai modi eleganti, si presenta con poche, educatissime parole “buongiorno, stimatissimi signori, io sono un gatto” e inizia a fissare gli umani con i suoi occhi verdi. In realtà, li sta ipnotizzando ma l’unico ad accorgersi di ciò che sta avvenendo è il cane di casa che, senza troppi giri di parole, caccia via l’ospite.

Con la dipartita dell’amatissimo cane, la creatura misteriosa si installa definitivamente presso la dimora umana, condividendo l’area verde con un nuovo cane, di grande carattere ma dal fisico non troppo prestante.

Così, ha inizio la lenta ma inesorabile colonizzazione della terra occupata dagli umani, senza che questi si accorgano di ciò che sta accadendo, come sempre.

Quindi, al primo gatto si aggiunge un altro gatto, poi un altro, e poi un altro ancora, fino a formare una vera e propria colonia, che ha un solo scopo: impossessarsi della Grande Polpetta, prendere il potere, rendere gli uomini schiavi e iniziare da quel luogo la conquista del mondo. Riusciranno nel loro diabolico intento?

Protagonisti.

Dart Liller

Dart Liller – Il vecchio genio del Male. Silenzioso, combattente di lunga esperienza, implacabile con il nemico, conosce gli umani e sa che non bisogna fidarsi di loro, forse è per questo che continua la lotta per il dominio totale.

 

 

 

Puncia

Puncia

Puncia – La coraggiosa custode della dimora. Ha capito il disegno dei colonizzatori e cerca di difendere il territorio, sebbene il fisico non l’aiuti. Incredibilmente, entra in sintonia con Bianca, che la sosterrà nei momenti difficili, e nonostante il divieto imposto dalla colonia.

 

 

Regina della Via -  La Talebana

Regina della Via – La Talebana

Regina della Via – meglio nota come La Talebana, e questo dice tutto. Inafferrabile e spietata, ha oppresso il vecchio cagnolino domestico per mesi, e continua a sfornare colonizzatori come se dovesse conquistare l’intero universo. Qui con il figlio Paco.

 

 

 

Barè

Barè – Il gatto mutante, nato maschio si trasforma in femmina al solo scopo di far nascere milioni di colonizzatori. Nella mutazione qualcosa è andato storto e non fa un “miao” come tutti i gatti ma “miauuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu” senza una fine. Figlia della Talebana.

 

 

????

Bianca

Bianca – Meglio conosciuta come La Stratega. Come tutti i gatti neri, è affabile, giocherellona, terribilmente affettuosa con gli umani. Naturalmente, è una strategia della guerra di conquista. Figlia della Talebana.

 

 

Paco e DeLucia

Paco e DeLucia

I Gemelli Paco e DeLucia. Figli della Talebana. Paco è ancora terribilmente timido, DeLucia ha un incredibile istinto materno, e pur essendo di pochi mesi più grande dei suoi nipotini, figli di Barè, li accudisce come se fosse una balia. Sono i misteri dei colonizzatori.

 

 

 

Pinky, Piggy, Drago, 100%Cotone,  DarkSnow

Pinky, Piggy, Drago, 100%Cotone, DarkSnow

Pinky, Piggy, Drago, 100%Cotone, DarkSnow – Figli di Barè, nipoti della Talebana. Studiano l’ABC della colonizzazione, fingendo di dormire diciotto ore al giorno.

 

 

 

 

 

 

Stay tuned staytuned

Dubbio botanico.

9 Giu

20150609_142557Periodicamente, faccio delle verifiche sul mio pollice verde, cioè cerco di capire se esiste, se funziona, o se devo rassegnarmi a non averlo. Perciò, ogni anno provo a piantare dei bulbi, o a prendere dei fiorellini primaverili nuovi, perché mi piace l’idea di vederli crescere pian pianino e di farli durare nel tempo. L’idea. Mi piace. Il fatto è che gli esperimenti botanici non sempre vanno a buon fine e allora capita che dopo qualche mese il fiorellino decida di sua spontanea volontà di passare a miglior vita, e fine del pollice verde. Quest’anno, ho voluto provare con le dalie, che danno dei bei fiori giganti colorati. Perciò, ho preso dei bulbi e circa un mese fa li ho piantati nel terriccio, avendo cura di dare acqua quasi ogni giorno, come raccomandavano le indicazioni della confezione. Alla prima fogliolina, chiaramente, ero tutta ringalluzzita, e già immaginavo le fattezze della mia bellissima dalia abbellire il giardino, con le diverse sfumature rosse mescolate al verde delle famose foglie. Col passare dei giorni, la fogliolina è diventata sempre più grande, fino a diventare simile a una foglia di lattuga, o di cicoria gigantesca. Ora continua a crescere, ma il fiore ancora non si vede, e io ho il dubbio: che mi abbiano venduto una rucola mutante??

Cinque buoni motivi per leggere le Cinquanta sfumature.

14 Feb

miss piggy fetEbbene, Christian e Ana sono arrivati sul grande schermo, e con loro, naturalmente, critiche di ogni genere, che vanno dall’accusa di “noioso” a quella di “diseducativo” e addirittura di “film che istiga al femminicidio”. Ora, non ho ancora visto il film e non so se lo vedrò, capisco che bisogna pur riempire le pagine dei giornali con riflessioni profonde sui cambiamenti socio-culturali della nostra epoca ma, secondo il mio parere plebeo, se il film è preso paro paro dal libro, credo che non farà più danni alla nostra società di quanti ne possa fare un film che ha come protagonista un cecchino che uccide degli esseri umani. Tanto per essere chiara, a me le Cinquanta sfumature sono piaciute tutte, in grigio, in nero e in rosso, nonostante le abbia lette con notevole ritardo rispetto a milioni di persone nel mondo, un po’ perché frenata dalle critiche feroci e un po’ perché dopo l’angoscia che mi aveva dato Histoire d’O avevo deciso di smettere col genere. Perciò, non fidatevi delle critiche, e non fidatevi nemmeno di me, leggete la trilogia e valutate voi (tra l’altro, diversi siti danno la possibilità di scaricarli in pdf). Però, vi do qualche buona ragione per leggere le Cinquanta sfumature.

1) Perché E.L. James (ossia Erika Mitchell) scrive bene, è brava a creare storie, personaggi, suggestioni, riesce a prendere il lettore e catapultarlo in una realtà completamente diversa da quella ordinaria, per qualche ora. Chi dice il contrario, probabilmente, è solo un po’ invidioso.

2) Perché è una storia d’amore. Magari un po’ più avventurosa, intrigante, piccante, conturbante rispetto alla media  ma è pur sempre la storia di due persone che si incontrano, si piacciono, fanno sesso (tanto) si amano e crescono insieme.

3) Perché è ironico, anche nelle parti più “calde”.

4) Perché è “umano”, e ci ricorda che in ognuno di noi convivono un lato innocente e uno più oscuro, basta trovare il giusto equilibrio.

5) Perché scoprirete come si usano le sfere d’argento 😀

Buona lettura!

 

La moglie di mio padre.

6 Ott

images (1)Ebbene, durante l’estate, io e alcune delle sei persone che convivono nella mia testa, abbiamo compiuto quarant’anni, alcune di loro sono ancora ferme ai sette anni, altre hanno superato gli ottanta, altre sono maschi adolescenti. In qualche modo, conviviamo, e l’arrivo dei quaranta non ci ha sconvolte più di tanto, è stato un po’ come togliersi un dente da latte, zac, un movimento veloce, il dente non c’è più e l’altro già spunta. Insomma, l’abbiamo presa bene, e ci eravamo illuse di poter ancora stupire la gente che, quando alla domanda impertinente “quanti anni hai?” si sentiva rispondere “38”, “39”, con la faccia stupita diceva “ma dai, non li dimostri!” e balle varie. Ora capisco che quelle erano balle, bugie, vere. Come in un film horror, infatti, nel giro di qualche mese, la domanda, ovviamente da parte di persone per me sconosciute, è diventata un’altra: “ah, ma tu sei la moglie di Ildebrando?”, “…………”, anzi “…………………………….”. “Fateci immediatamente tutte le infiltrazioni di botulino contro cui abbiamo  blaterato negli ultimi anni”, hanno detto le persone appena quarantenni. Il maschio adolescente non smette di prendermi in giro. L’ottantenne biascica “te l’ho detto di mettere il contorno occhi tutte le notti”. La bambina di sette anni continua a giocare, infischiandosene. Ildebrando è mio padre. Ildebrando ha venticinque anni più di me. Ildebrando ed io non abbiamo atteggiamenti da coniugi. La mia mente scientifica cerca di darsi una spiegazione diversa dall’evidente invecchiamento ma non la trova. Passi che somiglio a mia madre, ma questo significa che anche chi non vede mia madre da vent’anni, e mi scambia per lei, la vede invecchiata, perché più o meno è coetanea di mio padre. Passi pure che la gente è distratta, non osserva, non ricorda, ma dalla domanda significa che l’ipotesi che io possa essere la moglie di mio padre (orrore!) è plausibile! Passi che non ho mai messo una crema per il contorno occhi in tutta la mia vita, tengo il conto delle rughe in quella zona e sono sempre nello stesso numero, da qualche anno. Passi per la palpebra un po’ rilassata. Passi per le guanciottine in relax pure loro. Non c’è spiegazione, mi rassegno. Va be’, per essere una sessantenne non sono così male.