Tag Archives: gente brutta

Lei impara fare attore può evitare far pagare biglietto?

26 Mar

blogdicultura_99d35c440eb15cb1cf70be217bf6fd29-593x357

Noi questa donna la conosciamo da tempo, ci ha lasciato senza fiato con le sue indimenticabili uscite di altissimo livello istituzionale, politico, umano. Tanto per dire, è una che si è sentita “serena” dopo aver dichiarato ai magistrati di aver speso oltre 30mila euro in benzina, per andare su e giù per la Sardegna e illuminare il popolo sardo con le sue idee e i suoi progetti per la rinascita dell’Isola. Perciò, adesso non possiamo che essere orgogliosi di poterla condividere, in tutta la sua grandezza, con il resto d’Italia. Perdonatela se ancora non parla bene la vostra lingua, imparerà.

La nonnina.

9 Ott

Oleandra Rossi Mattone, nota Leandra senza collo, voce flebile e bocca aculodigallina, è una delle socie più autorevoli dello stimatissimo Club delle Ladies Perbene, l’associazione che si preoccupa di aiutare le donne a sviluppare il proprio potenziale, per diventare donne libere, indipendenti e affermate come le stimatissime sue socie le quali, per dimostrare la propria autonomia di ladies perbene firmano rigorosamente con il proprio cognome e con quello del consorte (naturalmente anche quando il consorte è “fu”) e, quando sono molto assai stimatissime, antepongono al proprio cognome quello del coniuge, come si conviene alle donne che non seguono l’attuale moda di presentarsi per quello che si è. Naturalmente, manco a dirlo, Olenadra nota Leandra senza collo, appartiene alla categoria delle molto assai stimatissime che antepongono il cognome della famiglia del coniuge a quello della famiglia d’origine, anche perché, essendo più vicina agli ottant’anni che ai settanta, non è per lei agevole stare al passo coi tempi e, soprattutto, essendo priva di nobili natali e, quindi, non potendo utilizzare un doppio/triplo/quadruplo cognome patrizio, deve pur arrangiarsi con quello che ha. Ebbene, con cotanta premessa, la giovane donna desiderosa di iniziare, per esempio, la professione di giardiniere, decide di chiedere consiglio alla nonnina matura, buona e sostenitrice del pieno sviluppo del genere femminile in un mondo rude, cinico, cattivo, chi meglio di lei potrebbe indicarle le strade giuste da intraprendere? Chi, meglio di una nonnina ben pasciuta, affermata e ben oltre le crisi ormonali che sfasano l’umore? Chi? Chi? Nessun altro, è chiaro. E quindi, la giovane donna si reca al cospetto di cotanta donna: “pregiatissima nonnina Oleandra Rossi Mattone, cosa mi consiglia di fare a questo punto, dopo aver ottenuto il brevetto di giardiniere? Le condizioni per lavorare nel suo giardino sono sempre le stesse o posso aspirare ad un centesimo in più?”,il brevetto di giardiniere? E chi sono mai gli stupidi che hanno dato il brevetto di giardiniere ad una semplice zappatrice di sterco come te?”ma, pregiatissima Oleandra Rossi Mattone senza collo nota Leandra, e il mio potenziale? La mia dignità di donna e di lavoratrice?”, tesoro, tu hai sicuramente la tua dignità di donna lavoratrice zappatrice di sterco, guarda che non è poco per gente come te, che non ha nemmeno il doppio cognome”, “ma io ho il brevetto di giardiniere”, “ah, ah, ah, giardiniere dello sterco, sì! Ah, ah, mi hai fatto proprio ridere, ah, ah”, “va bene, pregiatissima Oleandra Rossi Mattone senza collo noto Leandra, allora, rimaniamo così..”, oh, brava tesoro, vedi che qualcosa riesci a capirla anche tu? Sei una brava zappatrice, la migliore che io, Oleandra Rossi Mattone, conosca”, “pregiatissima Lady, rimaniamo così nel senso che io rimango a casa mia e non vengo a zappare il suo pregiatissimo sterco”, “oh..piccola lurida inutile sottospecie di stercoraro puzzolente, come osi? Grazie a me hai conosciuto lo sterco migliore della città, hai avuto l’onore di respirarlo a pieni polmoni, lo sterco di una Lady Perbene non è come quello di tutti gli altri, queste cose non le può dare nessun brevetto al mondo, ricordalo”, “lo ricorderò, pregiatissima Oleandra Rossi Mattone senza collo, nota Leandra, lei continui ad usarlo come bagnoschiuma”.

P.S. al giardinaggio potete sostituire qualunque altro lavoro, il resto non cambia e, soprattutto, il resto è realtà 🙂