Tag Archives: Francesca Barracciu

Lei impara fare attore può evitare far pagare biglietto?

26 Mar

blogdicultura_99d35c440eb15cb1cf70be217bf6fd29-593x357

Noi questa donna la conosciamo da tempo, ci ha lasciato senza fiato con le sue indimenticabili uscite di altissimo livello istituzionale, politico, umano. Tanto per dire, è una che si è sentita “serena” dopo aver dichiarato ai magistrati di aver speso oltre 30mila euro in benzina, per andare su e giù per la Sardegna e illuminare il popolo sardo con le sue idee e i suoi progetti per la rinascita dell’Isola. Perciò, adesso non possiamo che essere orgogliosi di poterla condividere, in tutta la sua grandezza, con il resto d’Italia. Perdonatela se ancora non parla bene la vostra lingua, imparerà.

Le faccine come antidoto per l’infelicità :-) :-) :-)

23 Mar

logo-bandiera-madauLa notiziona è di qualche giorno fa: il campionato mondiale italiano della felicità è stato vinto da Cagliari, il capoluogo di un’isola spuntata qualche milione di annetti fa, in mezzo al Mediterraneo, terra di bronzetti, di nuraghi, di pecore, di mare cristallino, di sottosegretarie inette, di gloriosi politici, di Presidenti della Repubblica luciferini, di buon vino, di pabassinas,  di gente con le pezze al culo, splendore ai confini dell’Impero. Cagliari, in base alle vagonate di faccine sorridenti infilate nei tweet  analizzati da un indicatore chiamato “iHappy”, è la città più felice d’Italia. La notizia sembrerebbe stonare con gli altri dati della realtà, quelli dell’indicatore “iFame” che ci dice quanti fanno (quasi) la fame in Sardegna e ci indica tassi di disoccupazione e povertà spaventosi, che potrebbero agevolare un certo livello di infelicità. E invece no, noi, come i cubani che ballano sempre e sono allegri nonostante tutto, e come Bocca di Rosa che metteva l’amore sopra ogni cosa, mettiamo le faccine sorridenti su ogni cosa, su Twitter, e anche sugli spaghetti al pomodoro, nel ripieno dei culurgiones, fra un po’ persino sulla bandiera dei Quattro Mori, perché questo è il nostro modo di reagire e perché, in fondo, noi l’abbiamo sempre saputo che il maestrale risolve ogni cosa e, alla fine, ci porta pure la felicità. A chent’emoticons 🙂 🙂 🙂