Tag Archives: colazione

Tu vuo’ fa’ l’americana.

28 Apr

Lo ammetto, sono una che si annoia facilmente. La noia è sempre stata una presenza fastidiosa nella mia vita, fin da quando ero piccola, perciò ho imparato ad usare la fantasia per sfuggirle, per mandarla via almeno temporaneamente, quindi per sopravvivere. Mi annoio quando ho a che fare con persone noiose ( e io stessa, spesso, mi trovo particolarmente noiosa 😀 ) mi annoio in certe situazioni, formali e non, in cui diventa un’impresa trattenere gli sbadigli, mi annoio quando sono costretta a ripetere sempre le stesse azioni, mi annoio quando mangio le stesse cose. Con gli anni, mi sono un po’ addomesticata e mi innervosisco molto meno, però la tendenza rimane. Per esempio, mi stanca fare la colazione sempre nello stesso modo, ingurgitando sempre le stesse cose. E così, ogni tanto, mi organizzo l’alternativa ai biscotti, alle fette di pane con miele o marmellata, ai corn flakes, anche perché la colazione è il pasto che mi dà il carburante per gran parte della giornata, perciò deve darmi soddisfazione. Non programmo, ma seguo l’ispirazione del momento. L’ispirazione delle ultime settimane, per la mia colazione anti-noia, ha preso forma con pancakes e sciroppo d’acero canadese, e devo ammetterlo, il risultato è stato una colazione briosa e molto soddisfacente. Al contrario di quel che si pensa, i pancakes sono leggeri e non troppo dolci, sono preparati con le uova, con pochissimo zucchero e poca farina, e hanno una consistenza soffice e “vaporosa” e l’unione con lo sciroppo d’acero, molto aromatico e denso, è perfetta. La noia è scacciata, almeno per un po’.

Questo è il risultato, magari non saranno esattamente come gli originali ma danno tanta, tanta soddisfazione, garantito.

IMG_20150418_074931

Obama a colazione.

8 Nov

Sveglia sempre all’alba, pastiglietta, esercizi, doccia, colazione con fette ai 250 cereali (mah!) con sopra mezzo chilo di miele di acacia, latte e orzo, e…oggi, ho voluto esagerare, insieme al miele ho spalmato sulla colazione pezzi di Obama, Barack  Hussein Obama II, 44° Presidente degli Stati Uniti, così, tanto per ispirarmi un pochino. E devo ammettere che mi ha dato delle soddisfazioni: ho buttato giù parole come “amore”, “uguaglianza”, “solidarietà”; ho digerito frasi articolate, riflessioni serie, esortazioni al lavoro e al senso di responsabilità per il raggiungimento di obiettivi comuni; rispetto per l’avversario; gratitudine. Poi, sono arrivati i commentatori nostrani, gli angelinialfano, i teatrini delle primarie, la politica dei vaffa, la magia si è interrotta ma l’ispirazione è rimasta.

Questo è il discorso (la versione integrale l’ho trovata senza traduzione)

Qui alcune traduzioni parziali:

http://video.repubblica.it/dossier/presidenziali-usa-2012-obama-romney/tutto-il-discorso-di-obama-in-inglese/109993/108377;

http://www.polisblog.it/post/28847/elezioni-usa-2012-il-discorso-di-obama-video.