Ode all’impegata dell’INPS

Ode all’impiegata dell’INPS

 

Suprema Signora, Divina Matrona,

Per quali vie sei giunta al Sacro trespolo?

per quali valli hai vagato solinga?

 

Sol tu conosci la risposta ma,

misteriosa, celi il tuo segreto

sotto coltri di adipe informe.

 

O Immensa, o Tanta,

mai beltà ti riconobbe,

mai dolcezza ti sfiorò

 

Eppur sì tonta,

per i sempiterni corridoi inpsiani

tu erri

 

creando sdegno e ilarità

per così immensa stupidità.

 

O Tanta, o Tonta,

ritorna a casa,

fatti più in là

 

e lascia il posto a Qui Quo Qua.

2 Risposte to “Ode all’impegata dell’INPS”

  1. Gibran 18 aprile 2012 a 2:35 pm #

    Ma cosa ti ha combinato la matrona per trattarla a pesci in faccia?
    Ciao. 🙂

    • lagiraffa 18 aprile 2012 a 9:34 pm #

      Le ho solo restituito, soavemente, uno dei tanti pesci che mi ha lanciato in faccia 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: