Effetto farfalla domestico.

26 Set

A woman who cuts her hair is about to change her life“, e se lo dice Coco Chanel, chi siamo noi per contraddirla?

Un giorno d’inverno dell’anno del Signore 2020, ho attraversato il sentiero che conduce alla bottega dell’acconciatrice di chiome e lì, dopo aver preso posto su una comoda roccia ricoperta di morbido muschio, ho detto alla mia acconciatrice “taglia”.

“Tagliamo due dita, come al solito?” (le acconciatrici non usano le nostre unità di misura, due centimetri sarebbe stato troppo banale) “no, taglia”, “tre dita?”, “no, taglia, taglia”, “ma sei sicura?”, “sicurissima” e, come tutte le acconciatrici e acconciatori con il dna di Edward mani di forbice, ha entusiasticamente tagliato.

Dopo circa un mese, hanno iniziato a sciogliersi i ghiacciai, è arrivata una pandemia, un lockdown durato circa due mesi, il mondo si è rivoltato, il polo nord si è trasferito al sud. Roba che, al confronto, le sette piaghe d’Egitto sembrano una soap-opera.

Da quel momento in poi, anche il mio piccolo mondo ha iniziato a rivoltarsi, come se fosse stato attraversato da uno tsunami, da nord a sud, da est a ovest, in modo totalmente imprevisto e con modalità sorprendenti e talvolta inquietanti.

Mi sarebbe bastato anche meno ma, in questi anni, ho imparato che l’unico modo per non soccombere completamente davanti ad uno tsunami, è quello di non opporre resistenza, provare a navigare tra i flutti, anche se non si è mai stati marinai.

Anche se si ha in dotazione solo una barchetta di carta.

8 Risposte a “Effetto farfalla domestico.”

  1. sabryj 26 settembre 2020 a 10:31 PM #

    Siamo tutti marinai su barchette di carta cara Giraffa….ma la prossima volta che vuoi fare un taglio drastico avvisami…🙃😉🙃
    Come dice Haruki Murakami “Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c’è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi è entrato.”

    • LaGiraffa 27 settembre 2020 a 9:32 am #

      Ahahah Sabry non ho avvisato neanche me stessa 😁😁 condivido il pensiero di Murakami, usciti da quel vento non saremo più le stesse persone, magari saremo diventati proprio quello che siamo 😉

  2. raccoltaedifferenziata 27 settembre 2020 a 8:29 am #

    è come nelle arti marziali: se non vuoi farti male cadendo, ti insegnano, devi rilassare tutto… (più facile a dirsi che a farsi, ma secondo me molto vero…) 🙂

    • LaGiraffa 27 settembre 2020 a 9:27 am #

      Vero,non è per niente facile però alla fine ti rendi conto che è proprio l’unico modo possibile.. respirare, accettare, rilassarsi, ci vuole solo tanta, tanta, tanta pratica quotidiana 😊 e tanta pazienza..

  3. Franz 28 settembre 2020 a 12:53 PM #

    La chioma di una vera combattente non può che essere corta e aerodinamica, per affrontare e assecondare i venti troppo spesso vorticosi.
    E scommetto che la tua indovinata scelta ti ha resa oggetto di profonda invidia nei due lunghi mesi di serrata dei parrucchieri!

    • LaGiraffa 28 settembre 2020 a 2:30 PM #

      Sopratutto da parte dei poveri uomini, costretti a farsi aggiustare le chiome da mogli, fidanzate, figlie imbranate 😁😁

      • Franz 28 settembre 2020 a 2:51 PM #

        …o, nel caso di singoli come il sottoscritto, costretti a inani battaglie all’arma bianca contro la propria immagine allo specchio!

        • LaGiraffa 28 settembre 2020 a 3:52 PM #

          E hai superato anche questa!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: