La iattura di nascere donna in Italia (ma meno male che c’è il PD).

31 Gen

In periodo di campagna elettorale, le donne italiane, come del resto i giovani italiani, i pensionati italiani, le famiglie italiane, i lavoratori italiani, i disoccupati italiani, si trasformano, nei discorsi della propaganda, in panda in via d’estinzione, da difendere con la promessa di abbondante bambù, di ameni luoghi dove riprodursi serenamente ed allevare la prole spensieratamente, di essere panda liberi, etc. etc. “perchè oggi, in Italia, per una donna non è mica facile” (sapessi com’era facile al tempo di mia nonna) come ci racconta lo spot del pd (dovete aspettare il minuto 0:32, dopo aver perso i sensi per eccesso di zuccheri causato dallo spot del bacio). Parole, parole, parole.

Peccato che la propaganda non sia seguita dal rispetto per le donne, per tutte le donne, qualunque attività svolgano, proprio da parte di una donna, parlamentare del pd, meglio nota per far proteggere il proprio carrello della spesa dagli uomini della scorta pagati con i soldi degli italiani, lusso (?) che una donna “normale” non potrebbe e nemmeno vorrebbe permettersi. Dovrebbe essere questo il valore aggiunto di un parlamentare?

Annunci

5 Risposte to “La iattura di nascere donna in Italia (ma meno male che c’è il PD).”

  1. Regina Madry 1 febbraio 2013 a 12:31 am #

    per carità, la finocchiaro e il pd e tutto l’ambaradan. in sardegna la prima donna candidata in lista è al 6° posto, per grazia ricevuta. non so chi sia peggio, se l’apparato o le donne che obbediscono, sempre.

    • No Blogger 2 febbraio 2013 a 2:50 pm #

      in Sardegna la prima donna è al 6° posto della lista del P.D. alla Camera dei Deputati e sarà eletta, in altre liste a parole favorevolissime alle donne (SEL, per esempio) la prima è al 2° posto e non sarà eletta.

      • lagiraffa 2 febbraio 2013 a 6:52 pm #

        e, infatti, caro No Blogger, siamo messi malino, la Svezia è molto lontana.

    • lagiraffa 2 febbraio 2013 a 6:51 pm #

      mah, le donne obbediscono come molti uomini, forse con la differenza che osano meno e credono meno nelle proprie capacità, forse. Però, le finocchiaro dell’apparato non aiutano 😦

  2. Danielle Whitehead 4 febbraio 2013 a 10:52 pm #

    Una donna che si ripresenta sul mercato del lavoro, che ha lasciato per accudire i figli, si presenta con un curriculum perdente e in competizione con donne e uomini più giovani e spesso senza figli”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: