Un cercatore di pietre ai confini dell’impero.

21 Feb

Il padre, che lo voleva notaio, avvocato, medico, lo definiva ciccadori de perdasa, cioè cercatore di pietre in lingua sarda ma, probabilmente, sarà stato comunque orgoglioso di quel figlio tanto appassionato di pietre e teulas, tegole, di storia, di Sardegna. Quel mancato notaio si chiamava Giovanni Lilliu e ha restituito ai Sardi (con la “S” maiuscola come usava lui) e al mondo intero un pezzo di storia della civiltà umana: Su Nuraxi, il Nuraghe di Barumini, con la sua reggia e il villaggio circostante, inserito nel 1997 dall’UNESCO tra i beni Patrimonio dell’umanità, simbolo dell’ingegno degli uomini vissuti in Sardegna alla fine del II secolo a.C. . Il professor Lilliu è morto ieri, all’età di 97 anni, anni di passione e di  impegno civile, in gran parte dedicati ad aiutare il popolo sardo a ritrovare l’orgoglio e la fierezza, per la discendenza da padri tanto ingegnosi e capaci. Grazie professore.

 

Annunci

2 Risposte to “Un cercatore di pietre ai confini dell’impero.”

  1. Patti 21 febbraio 2012 a 10:49 am #

    Grande Giovanni . . .alla faccia delle pietre!

  2. giraffa 21 febbraio 2012 a 11:07 pm #

    per fortuna, lui ci ha creduto sempre!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: