Prof. Veronesi, nelle sue tasche può fare ciò che vuole, alle mie ci penso io.

18 Giu

Il professor Veronesi, grande oncologo, politico e, ultimamente anche tuttologo, ieri è stato a Cagliari, in visita all’ospedale oncologico Businco, e ha parlato, parlato, parlato. Una parola tira l’altra, e al prof. non è bastato parlare di oncologia, no, lui spazia e va, non si capisce per quale motivo, verso un campo che in questi ultimi tempi gli è particolarmente caro: l’uranio, il nucleare, la stoltezza del popolino. Ebbene, il prof. ha tenuto a chiarire che l’uranio impoverito non fa male, esiste in natura e “uno se lo può mettere in tasca”. Mi fa una certa impressione il fatto che un personaggio nella sua posizione, cioè quelle di medico che ha salvato parecchie vite umane, usi la propria fama, il proprio ruolo, per pubblicizzare l’uranio impoverito come fosse un toccasana per l’umanità. L’uranio impoverito esiste in natura, e va bene, così come in natura esistono anche l’arsenico e l’Escherichia coli che, se tenuti in dosi massicce nelle nostre tasche, forse, potrebbero causarci qualche danno. L’uranio impoverito viene usato per scopi civili e, sopratutto, militari, è stato ed è causa di malattia e morte per moltissimi esseri umani. Ma, “uno se lo può mettere in tasca”, e allora, Prof. Veronesi, dia il buon esempio, osi di più per il bene dell’umanità, lo metta direttamente nelle mutande.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: