Black passion.

6 Feb

Sono un’appassionata di liquirizia. Beato l’uomo che si innalza al di sopra delle proprie passioni ma siccome, per ora, resto bassamente attaccata ai piaceri del palato, la liquirizia mi dà grandi soddisfazioni senza troppi effetti collaterali, a differenza del cioccolato e del caffé, passioni per me più rischiose. La liquirizia è una pianta perenne particolarmente resistente e ha tantissime proprietà terapeutiche, note già agli egizi, agli assiri, ai cinesi (in Cina viene usata da circa cinquemila anni) è usata come antinfiammatorio, è depurativa, antiallergica, ha un’azione protettiva su stomaco e fegato, fa aumentare la pressione arteriosa (perciò è sconsigliata alle persone che soffrono di ipertensione) e, se piace, fa bene all’umore.

Anche il nome è bello, con quella zeta spiritosa, fa rima con letizia, delizia, amicizia, perciò se mangiata in compagnia rende gli animi lieti. Da bambina la gustavo nelle forme animalesche, ricordo dei fantastici pesciolini e topini gommosi che si attaccavano ai denti (per la gioia del mio dentista) poi, ho provato le radici in bastoncini, perché faceva molto “ritorno alle origini”, quelli in vendita erano senz’altro ottimi ma troppo rinsecchiti e, oltre a lasciare i pezzettini di legno in bocca, davano l’impressione di un ritorno alle origini primitive o di un masticatore di foglie di coca nelle lande boliviane e la cosa non mi piaceva. Infine, sono arrivata alla stecca e ai pezzetti di liquirizia purissima, il modo migliore per gustarla e, quando il gelataio è bravo, al gelato. Ora, alla veneranda età di .. (eh, la veneranda età, non c’è mica bisogno di specificare) comunque, ora che ho un’età da zia che prepara i dolci ai nipotini, ho deciso di preparare da me i dolci alla liquirizia, con il seguente risultato: gioia pura. Ieri, ho provato la crema alla liquirizia, con una ricetta molto semplice trovata su internet e adattata, consiglio vivamente agli appassionati del delizioso nettare di provarla! Questa la ricetta: prendete 200 ml di panna fresca, 100 ml di latte e versateli in un pentolino, fateli bollire e toglieteli dal fuoco. Fate tuffare nello stesso pentolino un bastoncino di liquirizia spezzettato, e girate fino a quando si scioglierà per bene, e la panna diventerà scura, ci vorrà un po’ di tempo, perché il bastoncino è duro ma la cucina è anche amore e meditazione, perciò prendetevi tutto il tempo necessario. Coprite e lasciate riposare per circa un quarto d’ora. Prendete, poi, due tuorli d’uovo e 50g di zucchero e sbatteteli insieme, fino ad ottenere una bella crema chiara e morbida, con lo sbattitore a velocità 1 si fa molto più in fretta ma se avete braccia muscolose fate pure a mano. Unite panna e latte alle uova, mescolate e trasferite il tutto in quattro piccole pirofile, accompagnatele dentro il forno a 100°C (che avete acceso da almeno venti minuti, per farlo scaldare, ma dipende dal forno che avete) e dimenticatele  per 1 ora e 15 minuti, minuto più minuto meno, regolatevi un po’ voi, la crema deve essere rassodata, non deve diventare un mattoncino ma non deve essere nemmeno liquida. Sfornate e lasciate raffreddare per circa due ore. Poi, annusate il vostro capolavoro, lasciate che si insinui nel vostro cervello e vi avvolga, prendete un cucchiaino, affondatelo nella crema scura e profumata, fate felici le vostre papille gustative, dimenticate le cose che non vanno nella vostra vita, e godetevi il momento.

Trovate tutto qui:

http://it.wikipedia.org/wiki/Glycyrrhiza_glabra

http://www.fitoterapia.in/piante_officinali/liquirizia.html

la ricetta: http://obesitdintorni.forumcommunity.net/?t=4621337

http://www.berevino.com/degustare-essenze

Annunci

5 Risposte to “Black passion.”

  1. Baol 6 febbraio 2011 a 5:59 pm #

    Adoro la liquirizia!

    • lagiraffa 7 febbraio 2011 a 8:31 am #

      allora prova la crema!

  2. Marta 6 febbraio 2011 a 9:19 pm #

    Anche a me piace molto , non sopporto i legnetti ma ahimè cosa vuoi di più dalla vita?! Non ci si può sempre lamentare 🙂

    • lagiraffa 7 febbraio 2011 a 8:32 am #

      ci accontentiamo e godiamo 🙂

  3. Marta 7 febbraio 2011 a 3:13 pm #

    Assolutamente sì!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: