La nonnina.

9 Ott

Oleandra Rossi Mattone, nota Leandra senza collo, voce flebile e bocca aculodigallina, è una delle socie più autorevoli dello stimatissimo Club delle Ladies Perbene, l’associazione che si preoccupa di aiutare le donne a sviluppare il proprio potenziale, per diventare donne libere, indipendenti e affermate come le stimatissime sue socie le quali, per dimostrare la propria autonomia di ladies perbene firmano rigorosamente con il proprio cognome e con quello del consorte (naturalmente anche quando il consorte è “fu”) e, quando sono molto assai stimatissime, antepongono al proprio cognome quello del coniuge, come si conviene alle donne che non seguono l’attuale moda di presentarsi per quello che si è. Naturalmente, manco a dirlo, Olenadra nota Leandra senza collo, appartiene alla categoria delle molto assai stimatissime che antepongono il cognome della famiglia del coniuge a quello della famiglia d’origine, anche perché, essendo più vicina agli ottant’anni che ai settanta, non è per lei agevole stare al passo coi tempi e, soprattutto, essendo priva di nobili natali e, quindi, non potendo utilizzare un doppio/triplo/quadruplo cognome patrizio, deve pur arrangiarsi con quello che ha. Ebbene, con cotanta premessa, la giovane donna desiderosa di iniziare, per esempio, la professione di giardiniere, decide di chiedere consiglio alla nonnina matura, buona e sostenitrice del pieno sviluppo del genere femminile in un mondo rude, cinico, cattivo, chi meglio di lei potrebbe indicarle le strade giuste da intraprendere? Chi, meglio di una nonnina ben pasciuta, affermata e ben oltre le crisi ormonali che sfasano l’umore? Chi? Chi? Nessun altro, è chiaro. E quindi, la giovane donna si reca al cospetto di cotanta donna: “pregiatissima nonnina Oleandra Rossi Mattone, cosa mi consiglia di fare a questo punto, dopo aver ottenuto il brevetto di giardiniere? Le condizioni per lavorare nel suo giardino sono sempre le stesse o posso aspirare ad un centesimo in più?”,il brevetto di giardiniere? E chi sono mai gli stupidi che hanno dato il brevetto di giardiniere ad una semplice zappatrice di sterco come te?”ma, pregiatissima Oleandra Rossi Mattone senza collo nota Leandra, e il mio potenziale? La mia dignità di donna e di lavoratrice?”, tesoro, tu hai sicuramente la tua dignità di donna lavoratrice zappatrice di sterco, guarda che non è poco per gente come te, che non ha nemmeno il doppio cognome”, “ma io ho il brevetto di giardiniere”, “ah, ah, ah, giardiniere dello sterco, sì! Ah, ah, mi hai fatto proprio ridere, ah, ah”, “va bene, pregiatissima Oleandra Rossi Mattone senza collo noto Leandra, allora, rimaniamo così..”, oh, brava tesoro, vedi che qualcosa riesci a capirla anche tu? Sei una brava zappatrice, la migliore che io, Oleandra Rossi Mattone, conosca”, “pregiatissima Lady, rimaniamo così nel senso che io rimango a casa mia e non vengo a zappare il suo pregiatissimo sterco”, “oh..piccola lurida inutile sottospecie di stercoraro puzzolente, come osi? Grazie a me hai conosciuto lo sterco migliore della città, hai avuto l’onore di respirarlo a pieni polmoni, lo sterco di una Lady Perbene non è come quello di tutti gli altri, queste cose non le può dare nessun brevetto al mondo, ricordalo”, “lo ricorderò, pregiatissima Oleandra Rossi Mattone senza collo, nota Leandra, lei continui ad usarlo come bagnoschiuma”.

P.S. al giardinaggio potete sostituire qualunque altro lavoro, il resto non cambia e, soprattutto, il resto è realtà 🙂

Annunci

8 Risposte to “La nonnina.”

  1. Ringrazio Deledda 10 ottobre 2010 a 3:37 pm #

    ..cessu, cessu, quante storie 😉 e se conoscevi a Maria Bonaria Ginetta Puddu Cogotti, che d’è la presidenta del Club delle Ladies Perbene de Kasteddu, la mitica e gloriosa capitale del Mediterraneo? Quella, madraffa comenti sa mamma, è burricca persa e ha preso il diploma di maestra giardiniera dalla Suore di Carlo Felice e allora ti metteva bene bene in riga: la dovevi pagare tu solo perchè ti aveva rivolto la parola e ti permetteva di respirare la stessa aria sua. A lei non la raggiunge nessuna, al suo, di livello. Lo sterco messo bene bene a panetti sul tavolo, con le posate scalate (anche quelle da pesce e da dessert), come lo mette lei non lo mette nessuna, nemmeno a Pompu 😛 cessu, cessu, che fatica a essere Ladies Perbene..quanta ingratitudine 😛 😛 😛

    P.S. asco’, o Giraffa fatta a editora, ma ce l’hai mandata in sa coa a cussa madraffa mala?!

  2. Giraffa 10 ottobre 2010 a 10:04 pm #

    Ringrazio, non c’era bisogno di mandarcela in sa coa, ci era già 😉

  3. antonio76 11 ottobre 2010 a 12:38 am #

    meraviglievole…

  4. la coniglia 11 ottobre 2010 a 3:52 pm #

    queste lady dovrebbero leggere la livella di totò…che ci calza non a pennello, ma a pennellissimo!

    http://www.antoniodecurtis.com/poesia8.htm

  5. Giraffa 11 ottobre 2010 a 11:11 pm #

    è vero, Coniglia, calza a pennellissimo, grazie per averla ricordata 🙂

  6. Franz 13 ottobre 2010 a 1:54 am #

    Mi sembra di percepirti ancora fra le barricate (che per una Giraffa sono particolarmente pericolose…), o al di fuori di esse da poco tempo, e con le ferite di guerra ancora brucianti.
    Coraggio, Gi’, anche senza invocare ‘quella’ livella, ce n’è un’altra che compie esattamente lo stesso mestiere: si chiama ‘tempo’.

    Un caro saluto e, se ce ne fosse ancora bisogno, in c… alla gallina, pardon, alla balena!

  7. Regina Madry 13 ottobre 2010 a 11:00 am #

    bah! meglio mollare certi giardini…perchè tanto ti incatenano a vita senza darti la possibilità di potare nuove piante o imparare altre tecniche di giardinaggio! e visto che la metafora comincia a diventare faticosa per la mia stupida testolina di non 80-enne…..semplicemente un bel vaffa per la nonnetta!!

  8. Giraffa 13 ottobre 2010 a 10:34 pm #

    * Franz, percepisci bene, fuori dalle barricate a coltivare pascoli erbosi e capi di acacie, e per gente simile a quella del post non invoco nulla, se non la dimenticanza.. però, povera gallina 😆

    * Madry, e risuona il mio barbarico vaffa sopra i tetti del mondo!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: