Buongiorno day.

27 Set

“Buongiorno!”, la farmacia è piena di gente, una dozzina di occhi, compresi quelli delle farmaciste, mi fissano e dimenticano di dare l’impulso alle corde vocali per rispondere “buongiorno”, è un problema di collegamenti muscolari e nervosi, immagino. Dev’essere colpa della SARAS. Anzi, sicuramente è colpa del petrolchimico se i collegamenti tra occhi, udito e corde vocali negli ultimi anni non funzionano più e hanno bloccato la funzione “saluto”. Il benzene ha pure questo effetto, devo farlo presente per il prossimo studio epidemiologico “Effetti del benzene sull’educazione degli esseri umani”, mentre l’effetto contrario, quello che fa risuonare un grandioso vaffa per tutto l’universo, è molto più veloce. L’inquinamento fa veramente brutti scherzi. Io, purtroppo, mi ostino a voler insistere nel vizio del saluto, addirittura in quel vizio della chiacchierata mentre sono in fila, a volte mi va bene, nel senso che incontro persone viziose come me, ma la maggior parte delle volte mi guardano come se fossi una marziana “ma questa cosa vuole? Perché ha detto buongiorno?”, probabilmente, vengo davvero da un altro pianeta. Comunque, non sono la sola, alcuni viziosi di Torino hanno deciso di dedicare una giornata al saluto (rinviata al 2 ottobre), sarà solo un modo per fare politica ma è sempre meglio di una giornata dedicata al vaffa.

Annunci

15 Risposte to “Buongiorno day.”

  1. No Blogger 27 settembre 2008 a 8:04 pm #

    buongiorno ! e pure buonasera !

  2. giraffa 27 settembre 2008 a 11:28 pm #

    e bonanotte :-*

  3. Regina Madry 28 settembre 2008 a 10:31 am #

    anche io sono un pò viziosetta….e i maleducati che non salutano, oltre a ispirarmi la voglia di schiaffoni, sono per me una istigazione a delinquere, urlando a voce altissima i miei “buongiorno”! 😉

  4. No Blogger 28 settembre 2008 a 5:04 pm #

    ..e pure buon pomeriggio :-*

  5. G 28 settembre 2008 a 9:45 pm #

    Grande idea.
    La prima cosa che mi colpì qui in Albione 2 anni fa, quando venni in esplorazione, fu che alla cassa dei supermercati i cassieri/ le cassiere ti sorridono, ti salutano, e ti chiedono come va. Ovviamente alle casse dei supermercati lo fanno perché la direzione glielo impone, ed è qualcosa in automatico, e lo è anche la risposta, però fa piacere.
    Durante la mia settimana in Italia in agosto infatti una delle cose banali che mi ha scioccato maggiormente sono i cassieri/ le cassiere che non ti salutano neppure.
    E poi anche l’usanza barbara di gettare i soldi di resto sul banco. I soldi, per buona creanza, si danno in mano, sia quando si paga che quando si dà il resto, ecchediamine!

    Da qualche parte bisogna iniziare, ed inziare da un buon giorno non può che essere di auspicio. Speriamo bene…

  6. la volpe 29 settembre 2008 a 12:03 pm #

    Come ci siamo ridotti…. Anche un innocente buongiorno scatena la diffidenza delle persone!
    Non si paga, è gratuito e spontaneo eppure sembra non far piacere, un imposizione, un fastidiosa abitudine da abolire il prima possibile. E mi sa tanto che ci riusciranno.

    Fintanto che la legge non lo vieta io lo propongo, poi si vedrà.

    saluti la volpe

  7. lagiraffa 29 settembre 2008 a 10:45 pm #

    * G, la cosa ancora più triste è che non ci si saluta neppure tra conoscenti, per strada..ecco, magari si potrebbe seguire l’esempio “british”, sempre che nella direzione italiana si riesca a trovare una persona in grado di dare il buon esempio. Per non parlare delle file orizzontali, sopratutto in farmacia, dove la gente si accalca intorno a te per sapere esattamente cosa devi acquistare..

    * Ecco, cara Volpe, mi hai dato un’idea: potremmo far pagare per ogni saluto mancato o rimasto senza risposta, roba da far impallidire zio Paperone 🙂

  8. alvaraalto 30 settembre 2008 a 8:32 pm #

    oramai siamo sempre più isolati dal resto del mondo.

    magari non sarete d’accordo con me,
    ma non mi piace molto neanche vedere che tantissime persone vanno in giro con le cuffiette e l’mp3 se non addirittura con l’mp4 per guardasi UN FILM mentre vanno a scuola o a lavoro!
    alienatissimi, tu saluti e loro non si accorgono nemmeno…

  9. alvaraalto 30 settembre 2008 a 8:33 pm #

    P.S.
    Marylin diceva “no man is an island” (e mi pare lo dica anche Bon Jovi in una canzone)…
    bella frase, ma sempre meno vera 😦

  10. No Blogger 30 settembre 2008 a 10:27 pm #

    è un segno sempre più forte che non siamo per niente uguali, l’uguaglianza è una finzione: tutti hanno diritto di stare al mondo e tutti dovrebbero aver diritto di esprimere il loro libero voto, tuttavia su tante menti le pessime nuove-vecchie abitudini acquistano forte presa. Sempre più persone non “sanno più vivere”, ma recitano inconsapevolmente copioni assegnati loro dagli interessi economici e dalla relativa pubblicità. Chi l’ha compreso, ha l’obbligo etico di “vivere”. E’ degno di essere vissuto un “buongiorno”, la visione di un bel film, una passeggiata nel bosco, un’escursione su una costa a picco sul mare, il disegno di una foglia, il gusto di un tramonto di settembre e mille e mille altre cose che rendono fantastica ed eccezionale una vita degna di essere vissuta. Per l’mp3 o l’mp4 o l’mptuasorella solo compassione 🙂

  11. G 30 settembre 2008 a 11:19 pm #

    Beh le file orizzontali in farmacia non le ho mai viste.., o comunque non me le ricordo a memoria di utente-farmacia, magari capita che qualche anziano ti passa davanti, ma quello lo lasci fare, poverino, è anziano..
    E in genere tra conoscenti ci si saluta sempre…, che io ricordi

  12. mat 1 ottobre 2008 a 7:08 pm #

    io vivo ad assemini (syndial, enichem, diossina…) e lavora a porto torres (syndial, polimeri, diossina…) però il saluto nn l’ho perso.
    in compenso quà sono tutti strani… hanno proprio un’espressione strana!
    mmmh…
    come si spiega qst diversità?
    porto torres sarà più inquinata di assemini?
    cmq
    la maleducazione è dilagante e in continuo peggioramento

  13. IM 2 ottobre 2008 a 1:40 pm #

    Beh… oggi è 2 ottobre…

    Buongiorno… =)

  14. antonio76 2 ottobre 2008 a 10:36 pm #

    Son tutti così tanto incazzati.. sempre.. altro che saluto.. la gente si prenderebbe a pugni per strada..

  15. lagiraffa 5 ottobre 2008 a 12:22 pm #

    Buongiorno 🙂

    * Alvar, neanche a me piacciono le cuffiette con l’mp3, isolano completamente dal resto del mondo, il problema è che anche quando se le tolgono le persone non hanno nessuna voglia di comunicare e si infastidiscono tantisimo quando gli rivolgi la parola! Forse siamo veramente delle isole e ci piace rimanere così 😦

    * No Blogger, una passeggiata nei boschi è senz’altro più divertente dell’mp3 🙂

    * G, dalle mie parti, purtroppo, esistono le file orizzontali e le persone che si attaccano alle tue spalle quando chiedi un farmaco e, ahimè, tra conoscenti a volte si fa finta di non vedere 😦

    * Mat, Porto Torres è sicuramente più inquinata di Assemini e, forse, si crede anche vagamente megalopoli moderna e industrializzata..

    * IM, buongiorno e buona domenica 🙂

    * Antonio, è vero, il buongiorno se lo sono messo sotto i piedi e si prendono a pugni pure per un parcheggio..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: