Turisti nei sogni di una giraffa.

15 Giu

Quando una giraffa va al mare, per dare un po’ di colore alle macchie marron, che durante l’inverno sbiadiscono un pochino, succedono sempre delle cosette “illuminanti”, ossia dei fatti che illuminano la mente e portano a delle fondamentali constatazioni, sono fatti che superano addirittura i bambini posseduti dal demonio, resistenti anche agli esorcismi delle povere meduse che, sfortunate come poche, vengono addirittura pescate a mani nude e portate come trofeo “maaaammmmaaaaa, guardahopresounamedusaaaaa!” dagli indemoniati, mentre corrono sopra gli ombrelloni come Sandokan che tenta di salvare Marianne (la riflessione, in questo caso, è sempre la stessa, cioè i bambini sono innatamente sadici e fatti di gomma). La recente illuminazione, invece, è collegata agli allegri vandali che, per consuetudine, vengono definiti “turisti italiani”. Ebbene, può ancora capitare, in questo periodo, di trovare tratti di mare non ancora trasformati in formicai turistici, in genere si tratta di spiagge non sabbiose, e lì si può ancora prendere il sole in quasi santa pace, ascoltare le ondine andare avanti e indietro, fare le paperelle in acqua, etc. etc., quasi in santa pace, quasi..essì, perché ad un certo punto può capitare di sentire delle urla disumane in lontananza, provenienti dalle corde vocali di una donna-turista italiana “NOOOO, MA SEEENTI, QUESTA NON VA BEEENE”, e da quelle di altri vari turisti maschi e femmine, non si distingue bene, così come non si capisce quanti sono, “MA Sììììììììì, MA DAAAAI, E’ PERFETTA”, “MAAA SECOOONDO ME NE TROOOVI”, “BE’ DAI, PROVIAAAMO, FORSE CE NE SOONO”, “UUUUUHHHH”, “MAAAAHH”, e tra un “uuuhhhh” e un “mahhhh”, capita di trovarseli tra i ciottoli, le ondine e bì e bù, armati di sacchetti sospetti. Quando, poi, la sacerdotessa dei vandali inizia ad attraversare la spiaggia, urlando con accento padano (senza offesa per i padani) ”AAAH, MA GUAAARDA, SONO PROPRIO DELLA GRANDEEEZZA GIUSTA, Sì, Sì, VANNO BEENISSIMO PER IL PIATTO DELLA DOCCIA, CI FACCIO UN BEL TAPPEEETIIIINO” si capisce l’intento: vogliono raccogliere e portare via i sassolini bianchi e levigati della NOSTRA spiaggia, delle NOSTRA Terra, che, poi, a ben vedere è la terra di tutti, Perdincibacco, non lo capiscono?? E poi, non sanno che stanno commettendo un reato? Non sanno che esistono leggi che tutelano il paesaggio? Non sanno di essere degli idioti? No, non lo sanno e, quando gli viene fatto notare, alcuni prendono coscienza di ciò che stanno facendo e buttano via i sassolini, tranne la sacerdotessa, che va avanti nella raccolta. Ecco, a questo punto, è arrivata l’illuminazione: sin da piccola, da quando ero in fasce, avevo un sogno, ossia, costruire una tendina della doccia con delle piccole ossa, in particolare con le piccole ossa delle dita dei piedini dei turisti maleducati, ecco, ora finalmente, grazie all’illuminazione ho capito che non esiste alcuna legge che lo vieta, quindi…

 

(nella foto le orme di una giraffa)

Annunci

20 Risposte to “Turisti nei sogni di una giraffa.”

  1. No Blogger 15 giugno 2008 a 4:48 pm #

    ..le ossicine dei padani sguaiati e beceri lasciate biancheggiare al sole per cinque settimane sono perfette per la tendina della doccia..e poi sono così glamour, così vintage, come i cervellini essiccati degli ignoranti senza speranza ;-)))

  2. Mat 15 giugno 2008 a 5:49 pm #

    per queste loro incivili usanze noi nn possiamo più andare a budelli..

  3. Baol 15 giugno 2008 a 6:49 pm #

    Ho sempre meno speranze nella razza umana italiana… :/

    ciao Giraffa! :*

  4. No Blogger 15 giugno 2008 a 7:17 pm #

    a Budelli non ci si può andare perchè un’isoletta così piccola non può sopportare l’assalto contemporaneo di decine e decine di barche e barchette, centinaia di bagnanti, rispettosi o no dell’ambiente. E’ una riserva integrale e va rispettata come tale.

  5. Pat 15 giugno 2008 a 8:02 pm #

    l’ultima volta che passai in barca davanti a Budelli con i miei genitors e cuginame vario c’erano almeno 40 fra yachts e gommoni che imprecavano contro una motovedetta della guardia costiera che li rimandava tutti indietro: è un parco non è Costa rey o Platamona dove ci va il mondo!!! per me è giusto che in alcune spiagge ci sia numero chiuso o siano proprio chiuse!!

  6. giraffa 15 giugno 2008 a 8:13 pm #

    * No Blogger, i cervellini grigiolini vanno meglio come zerbino;-) comunque, riguardo a Budelli, fortunatamente non è più possibile l’assalto piratesco, ma è anche vero che i turisti-pirati (probabilmente pure sardi) che portavano via il ricordino dalla spiaggia, hanno dato il loro pesante contributo…

    * Mat, sì, infatti, loro hanno contribuito, ma temo che pure qualche sardo abbia allungato la manina..

    * Baol, la razza umana ha poche speranze, gli italiani, poi, si sentono pure liberi di fare tutto quello che gli pare, tanto nessuno controlla..salvo spedire l’esercito a scopo propagandistico.. Ciao Baolino:-*

  7. Uovoallacoque 15 giugno 2008 a 9:10 pm #

    No dai non è vero!
    Qua da me invece i turisti non prendono, anzi lasciano!
    Sì, ma un sacco di spazzatura..

  8. giraffa 15 giugno 2008 a 10:50 pm #

    * Pat, purtroppo è giusto, perchè le persone hanno poco cervello e poco rispetto delle bellezze naturali..

    * Eh, caro ovetto, voi siete fortunati! Però, ho notato che quando vanno in vacanza, gli italiani dimenticano improvvisamente come si separano le bucce di banana dalle bottiglie di plastica, sarà che anche il cervello va in vacanza..

  9. Piulina 16 giugno 2008 a 12:24 am #

    certe volte la gente è proprio maleducata! Se piace tanto il luogo vacanza che bisogno c’è di portare via pezzetti? le pietroline non si rigenerano mentre i supermarket vendono tappettini per la doccia di ogni forma e colore!
    Stesso discorso per la sabbia rosa, però effettivamente penso anche io che non sia solo colpa dei turisti…

  10. Morettina 16 giugno 2008 a 1:30 pm #

    Ciao!!!!
    Quoto a mille questo post… mi fanno sclerare i turisti incivili e non, perchè spesso ho visto pure anche dei sardi peggio dei turisiti….
    Complimenti ancora, baci!!!
    Maura

  11. giraffa 16 giugno 2008 a 2:34 pm #

    * Piulina, la vandala urlante aveva superato la soglia della maleducazione, era cimpletamente invasata, sembrava la padrona della spiaggia! Purtroppo nemmeno i cervellini si rigenerano..

    * Ciao MorettinaMaura! Grazie:-) a proposito di sardi, qualche anno fa mi è capitato di vedere alcuni conterranei mangiare i ricci che avevano pescato e poi buttarli in riva al mare, quando gli ho fatto notare che forse non era il caso, a momenti mi linciavano..

  12. Regina Madry 16 giugno 2008 a 8:32 pm #

    Pienamente d’accordo Giraffina….però puliscili bene gli ossicini, che sennò olezzano di cafonaggine ! ;))

  13. giraffa 16 giugno 2008 a 11:17 pm #

    MadreGggina, ohi, l’olezzo non l’avevo messo in conto..

  14. No Blogger 16 giugno 2008 a 11:41 pm #

    le ossicine, dopo aver biancheggiato un bel po’ al sole, vanno in soluzione di trielina e di candereggina, poi si risciacquano in eau de griphòn… per i cervellini essiccati, invece, basta poi avvoltolarli in tipici tappeti di Samugheo: una volta srotolati sono pronti all’uso. Come rinunciare ai padani idioti ed agli indigeni maleducati ed imbecilli ? Sono davvero tendine e tappetini della doccia veramente – ma veramente – glamour ! Un vintage da far impallidire la maison Coco Chanel, la sorella della Gregoracci e pure colei che vorrebbe metter gli uomini in perizoma, illusa ;-)))

    No Blogger

  15. Regina Madry 17 giugno 2008 a 1:43 pm #

    eh, BastianContrario-Bloggy, l’ho capito che l’idea del pery ti stuzzica, inutile che fai tanto il sobrio classicone morigerato 😀

  16. No Blogger 17 giugno 2008 a 5:46 pm #

    …oh no, lo faresti tu ? ma quando mai? vederti in perizoma? arrossirei, moltissimo…

  17. AndreA 18 giugno 2008 a 2:08 pm #

    Io è da un po’ che non vedo di questi genialoidi che praticano “il ruba sabbia”!!! :-DDDDD

    Un abbraccio, buona giornata!! 😉

  18. Baol 18 giugno 2008 a 4:34 pm #

    Ciao Regina, infatti….magari riuscirò a vedere la sardegna prima della fine…per la Sicilia ho ormai dubbi di riuscirci, hanno già iniziato a bruciarla sapendo che tra poco potranno costruire ovunque…ho i brividi

  19. Baol 18 giugno 2008 a 4:36 pm #

    Ciao Regina, infatti….magari riuscirò a vedere la sardegna prima della fine…per la Sicilia ho ormai dubbi di riuscirci, hanno già iniziato a bruciarla sapendo che tra poco potranno costruire ovunque…ho i brividi

  20. giraffa 19 giugno 2008 a 12:02 am #

    * Andrea, anch’io speravo di non vedere più cose che voi umani non potreste immaginare..purtroppo i deficienti sono sempre in giro! ‘notte:-)

    * Baol, ti ringrazio per l’onorificenza, ma ancora non abbiamo istituito la monarchia delle Giraffe! Lascio volentieri il titolo all’amica Madry;-) ti aspettiamo sull’Isola, non preoccuparti, c’è ancora un po’ di sabbia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: